La musica classica

 

Il termine musica classica si riferisce generalmente alla musica composta nei secoli che vanno dal Seicento all’Ottocento, ma nel linguaggio specialistico degli storici esso definisce più precisamente la prodigiosa stagione creativa della musica colta europea che va dalla seconda metà del Settecento ai primi anni dell’Ottocento e che viene indicata col termine di “classicismo viennese”, perché Vienna ne fu il fulcro.

I suoi protagonisti, universalmente conosciuti, sono Chopin, Listz, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, più altri artisti minori.

La musica classica è probabilmente la sintesi di un movimento estetico e culturale che ha cercato di rivisitare modelli antichi (pagani, classici, pitagorici), secondo i parametri della cultura cristiana.

L’inconciliabilità delle due culture (pagana e cristiana) ha prodotto una grande ricchezza creativa negli Autori classici, così come avviene nella psicoanalisi ove il paziente deve inventare un suo nuovo piano personale situato oltre i retaggi della sua storia (e oltre la personalità del suo analista).

La musica classica appare ricca di chiarezza, eleganza, trasparenza. Può migliorare la concentrazione, la memoria e la percezione spaziale.



ingresso membri | chat | forum & guest book | bacheca | stampa | home | © Fulvio Muzio


home